Articoli

La bibliografia magica è l’insieme di libri che ti consiglio di leggere per avere una maggiore conoscenza sull’evoluzione della magia. E sono gli stessi che ho preso spunto per i miei studi.

Le citazioni che trovi all’interno del blog derivano anch’essi dai libri che ti elencherò di seguito. Ti invito pertanto a consultare la bibliografia magica per tutti gli approfondimenti che vorrai fare.

 

Bibliografia magica

 

Il Ramo d’oro. Studio sulla magia e sulla religione – James George Frazer

Frazer è stato forse uno dei primi a cercare di classificare la magia e decretarne un’origine. Il suo testo è stato preso a esempio da tantissimi antropologi e studiosi del folklore.

Tratta i vari argomenti della magia dall’antichità ponendo particolare attenzione al mondo greco e romano. Con il susseguirsi delle pagine la magia lascia spazio alla religione, inframmezzando la parentesi della divinità politeista.

Un libro fondamentale per scoprire i vari rituali compiuti nel mondo e la loro evoluzione che hanno permesso all’uomo di affermare la propria individualità e prosperare nella società. Acquista la tua copia del Ramo d’oro su Amazon.

 

Storia della magia. Dall’alchimia alla stregoneria – Chris Gosden

Un altro libro estremamente interessante è questo testo redatto da Chris Gosden. Studia la magia in ogni sua forma a partire dalla preistoria fino ad arrivare all’età moderna.

Ogni capitolo è corredati da un interessante schema che riporta le epoche storiche così da avere una visione più chiara del tempo in cui la magia si sviluppa.

L’autore presenta l’evoluzione della magia, la quale si è pian piano modificata in mitologia, filosofia, religione e, infine, scienza. Sottolinea l’importanza della magia per la crescita della coscienza umana e per la stratificazione della psiche.

Grazie a questa divulgazione impariamo quanto sia stato importante per la storia dell’uomo attraversare le varie fasi della conoscenza e predice un possibile cambiamento di paradigma, ponendo la domanda: “Cosa verrà dopo la scienza?” La storia della magia puoi leggerla qui.

 

libri magici

 

La trama segreta del mondo. La magia nell’antichità – Giulio Guidorizzi

Giulio Guidorizzi pone un’attenzione particolare alla cultura europea e in particolare su quella greco-romana. Ma si preoccupa anche di esaminare gli utilizzi della magia del globo terrestre.

Esamina da vicino le figure dello stregone, dei maghi e dei santoni. E attraversa i vari stadi della conoscenza umana senza oltrepassare il confine della storia classica.

Si scopre così che nonostante la Grecia fosse stata la culla del sapere filosofico, la popolazione e molti sapienti, si dilettavano nella pratica della magia, creando una linea di demarcazione molto sottile fra il sacro e il profano.

Una lettura che permette una visione del mondo classico da un punto di vista magico che raramente viene trattato nei libri di storia greca. Trovi la copia del libro di Guidorizzi qui.

 

Storia della stregoneria. Origini, credenze, persecuzioni e rinascita nel mondo contemporaneo – Giordano Berti

Nella bibliografia magica non può mancare il libro di Giordano Berti che racconta la persecuzione del mondo magico in Italia e in Europa. Possiamo così capire come si sia sviluppata la paura e la persecuzione di maghi e streghe e quali siano state le cause a provocarlo.

Un’indagine approfondita attraverso i secoli che ha portato prima a minimizzare la pratica magica per poi trasformarla in una vera e propria arte pericolosa e quindi osteggiata. Leggi gli approfondimenti sulla persecuzione all’interno del libro.

I divieti e i tabù furono la naturale conseguenza alla pratica della magia malevola arrivati intatti fino ai giorni nostri. Purtroppo, la magia simpatica, soprattutto nella sfera empatica, non venne praticata seguendo solo i precetti positivi ma anche quelli negativi.

Tali limiti vennero considerati con lo scorrere del tempo come divieti e tabù. Nacquero con l’intento di arginare il fenomeno negativo affinché la magia venisse usata con il suo scopo originario: asservire l’uomo e la natura.

Divieti e tabù

 

Quando uno stregone compiva un rituale doveva seguire determinate leggi non scritte. Ciò accadeva perché ad ogni azione corrispondeva una conseguenza.

Era conscio del fatto che compiendo un rito otteneva in cambio un risultato. Allo stesso modo, se iniziava un sortilegio e non lo eseguiva in maniera perfetta, sapeva che non avrebbe ottenuto alcuna risposta.

C’era una sottile pericolosità nel fare un atto magico per colpa delle condizioni di causa ed effetto. Perciò, si asteneva dal commettere azioni che potessero danneggiarlo. Ed ecco che inconsciamente dava vita ai primi divieti e tabù.

La regola non scritta della magia malevola diceva: “Compi questa azione a discapito di questo” e per non compierla il mago era obbligato a darsi dei limiti per non incorrere in effetti indesiderati.

Infatti, secondo la magia omeopatica, lo stregone può esercitare degli influssi positivi o negativi su persone e vegetazione. A fare la differenza è l’emotività e l’intenzione coinvolta.

Ed è un concetto che adottiamo ancora oggi: la credenza secondo cui una persona o un’azione siano nocive ci impediscono di comportarci in un certo modo. Pensiamo, per esempio, alla sfortuna che ci cade addosso se passiamo sotto una scala.

 

Credere che alcune qualità o condizioni personali siano di natura nociva e malefica ha portato a una serie di regole di astensione; ci si astiene dal fare determinate cose perché potrebbero infettare per via omeopatica, con il loro stato o le loro spiacevoli condizioni, i frutti della terra. Tutte queste usanze o regole di astensione sono esempi di magia negativa o tabù.

 

etichetta lettura adatta ai bambini

L’importanza della magia è assodata: data la sua diffusione millenaria e arcaica non può che svolgere un ruolo importante. E lo fa non solo per gli individui ma anche per la cultura stessa.

La sua pratica non si limita a una comprensione intellettuale ma richiama emozioni, sensazioni e percezioni. Combina ciò che la cultura occidentale ha spesso sottovalutato, ovvero la profondità psicologica ed emotiva.

In Europa, e più tardi negli Stati Uniti, le credenze magiche sono sempre state etichettate come stoltezza o superstizione. Senza considerare la sua stretta relazione con la scienza e la religione, e in modo più ampio, con la filosofia e la mitologia.

Cambiano i punti di vista. Nella magia l’uomo può influenzare gli eventi e i processi con le sue azioni. Nella scienza, invece, vediamo l’universo funzionare come un essere a sé stante, in cui l’uomo non ha alcuna influenza. Nella religione, infine, l’uomo è succube del volere di un Dio e per essere ‘salvato’ deve seguire in modo rigoroso le sue regole.

 

L’idea che l’avvento della modernità abbia in pratica sradicato le credenze magiche è palesemente sbagliata.

Un mondo senza magia è un posto freddo, povero di emozioni e di stupore, dominato da tecnici senz’anima e da specialisti senza cuore.

 

L’individuo si approccia la magia in tre modi, con:

  • la trascendenza: quando si sente influenzato ma non può agire sulle forze agenti (per esempio l’astrologia);
  • la trasformazione: quando si adopera in un processo di cambiamento (per esempio l’alchimia);
  • le transazioni: quando si stringono patti con energie o forze occulte (per esempio le pratiche della divinazione).

 

L’importanza della magia benevola e malevola

 

La magia benevola è utilizzata da maghe e stregoni per proteggere o rendere il mondo migliore. Fanno parte di questa categoria anche le varie forme di divinazione o di lettura del passato, del presente e del futuro. Con gli incantesimi e i rituali magici si aiutano le persone e la natura. Ed è questa la linea di demarcazione fra magia nera e magia bianca.

Tutte queste pratiche possono essere viste dagli scettici come una forma di magia malevola. E talvolta è così. Quando il mago o la strega utilizzano la magia contro le persone o contro la natura stanno esercitando la magia malevola. Chi usa la magia per compiere azioni malvagie evoca presenze tenebrose che possono essere paragonate alle armi.

Degli strumenti che servono a colpire, soggiogare o vincolare qualcuno ma che lasciano degli strascichi ben visibili. Per questo la magia malevola è da sempre ostentata e combattuta.

Fare un sortilegio malevolo a qualcuno non è da considerarsi come un attacco personale. Ma un gesto compiuto contro l’immagine (l’imago) della persona o l’impressione che ha lasciato.

Un desiderio di togliere quella brutta sensazione che percepiamo quando qualcuno ci ha in qualche modo ferito o umiliato. Eliminare dalla radice l’influsso negativo che questa persona proietta su di noi.

L’importanza della magia raggiunge il suo apice quando questa concorre a far prosperare e non a distruggere o a danneggiare. A prosperare, infatti, non è solo l’uomo e la sua cultura ma l’universo intero.

 

Esistono diversi tipi di magia e prima di addentrarci nello studio della magia nei suoi vari colori è giusto sapere come si è evoluta. La magia non ha declinazione di bene o male ma assume implicitamente le sembianze di chi la usa. Incarna l’idea che il tutto – inteso come micro e macrocosmo, invisibile, occulto e realtà  – siano fittamente interconnesse.

L’antropologo Frazer sostiene che la magia è la forma primordiale del pensiero umano, prossima all’istinto, in quanto la mente non era ancora sviluppata per cogliere i legami tra causa ed effetto.

Nonostante ciò, la magia si è insinuata nelle varie epoche storiche raggiungendo i giorni nostri, seminando dubbi sulle leggi naturali ampliamente confermate dalla comunità scientifica.

Si nasconde nei risvolti dell’occulto dove ancora non esistono delle posizioni certe e si rintana nel sospetto, pronta ad affilare gli artigli della tradizione emotiva e naturale.

 

La magia sfida non solo la scienza, ma anche la sua principale alleata, la logica razionale, dato che riordina i fenomeni secondo una sua imprevedibile regola, manifestando i propri poteri con una logica particolare.

Anche dove, infatti, sembra che il linguaggio della ragione sia a buon punto nel suo lavoro di decifrazione della natura, l’occulto trova fessure in cui insinuarsi.

 

 

Le qualità della magia

 

Se lo scienziato crede nella condizione di causa ed effetto, lo stregone pensa in base a simpatie e metafore. Ma possiamo intendere la magia anche come una forma arcaica di filosofia, in cui convergono studi sui misteri dell’animo umano e sulle connessioni con l’esterno.

Secondo i precetti magici, infatti, tutto è collegato e lo stregone si muove agile in un continuum spazio-temporale grazie a poteri e conoscenze trasmesse nel tempo delle emozioni. Percepisce l’energia attorno a lui e riesce a manipolarla a beneficio del prossimo o della tribù.

 

Le qualità classificabili della magia sono:

  • moltiplica i poteri (una qualità preclusa all’attività umana);
  • segue una logica sequenziale;
  • concilia il divergente;
  • avvicina ciò che è distante e ignoto;
  • la magia è un costituito da segni e azioni (sistema espressivo coerente).

Lo stregone o il mago può amplificare i poteri per produrre un evento simile a quello che avviene naturalmente. Come, per esempio, la caduta incessante di pioggia.

Per fare ciò, segue una serie di azioni ed espressioni fisse che creano un linguaggio universale. Solo in questo modo riesce ad avvicinare energie, altrimenti lontane e sconosciute, e far sì che l’incantesimo funzioni.

 

Magia di similarità e contatto

I vari tipi di magia

 

Secondo Frazer i diversi tipi di magia sono: magia di contatto e la magia di similarità. Entrambi fanno parte della magia simpatica. La magia simpatica è il contenitore della magia di contatto e quella di similarità accomunate da un’interazione magica compiuta a distanza.

Quella di contatto presuppone un’interazione che una volta avviata continuerà a esistere seppur a distanza. La seconda, di similarità, indica la somiglianza tra due aspetti in cui l’effetto è simile alla causa.

La suddivisione però è alquanto semplicistica perché in un singolo incantesimo possono essere utilizzate entrambe le magie contemporaneamente.

Ma come sappiamo, in tutte le grandi categorie della cultura confluiscono i fenomeni più disparati, tanto da non formare un sistema omogeneo, né tantomeno uno dai confini certi. In ogni caso, si può utilizzare la divisione come regola generale per distinguere i due tipi di magia primitiva.

Magia di contatto

La magia di contatto è chiamata anche magia di contagio. Presuppone che qualsiasi azione compiuta su un oggetto materiale, influenzerà ugualmente la persona con cui quell’oggetto è stata in contatto. Un ottimo esempio è la magia Voodoo dove il malcapitato, punzecchiato da uno stecco appuntito, soffre fino a morire.

Il concetto è quello che prendendo un oggetto qualsiasi, a simbolo del suo corpo, e punzecchiandolo con uno stecco appuntito, lo ferisce. Se, invece, vuole ucciderlo brucia o seppellisce il pupazzo, pronunciando formule magiche.

Il funzionamento si basa sul concetto che le parti umane o inanimate sebbene separate rimangono congiunte per sempre. Per cui ciò che succede a una parte avviene in modo speculare all’altra.

Ecco perché spesso gli incantesimi richiedono capelli o unghie: in questo modo si può unire l’efficacia del processo alla parte e contemporaneamente alla persona. La distanza non inficia il procedimento.

 

magia di contatto

 

Quale idea da origine al pensiero?

Il primitivo vedeva trasferire un peso di carico da una spalla all’altra, sia esso di legna o pietre, e pensava che allo stesso modo si potesse trasferire il carico emotivo. Non esisteva ancora la concezione di coscienza e quindi le emozioni valevano come i fatti.

Così nacquero i transfer magici dove tramite pozioni, danze o incantesimi i malesseri venivano trasmutati in altri oggetti o persone. Un antico modo di scaricare le colpe sugli altri!

I malesseri vennero paragonati ai “mali” e più avanti, con l’avanzata della mitologia, erano solo le divinità le persone in grado di oscurare queste orrende ingiustizie.

I popoli primitivi, infatti, vedevano la causa di malattia o morte causata da uno squilibrio della natura ed erano necessari piccoli pezzi appartenuti all’essere umano per contrastarne gli effetti.

La magia di contatto, dunque, compenetra il principio del “tutto correlato” e fa nascere il concetto di tabù (così come la magia omeopatica). Il quale si erge a protezione, come una barriera magica, che ne impedisce la contaminazione. Toccando un oggetto si può eliminare la sua forza o la sua energia e per questo non va nemmeno sfiorato, pena la morte.

 

Con l’idea della contaminazione ci si trova proprio sopra la molto incerta linea di confine tra religione e magia. La contaminazione agisce da sola; non serve un mago per scatenare gli effetti tremendi che la polluzione riversa non solo su chi la compie ma anche su chiunque si trovi in contatto con lui.

È una forma di contagio invisibile prodotto da azioni empie, o anche solo dal riattivare forze occulte con qualsiasi atto, volontario e involontario che sia; senza l’idea che la realtà visibile sia circondata da un alone di energie soprannaturali, senza il principio magico della simpatia.

 

Questo tipo di pensiero magico corrisponde in parte al primo principio della termodinamica: la trasmissione di energie tra vari oggetti permette la contaminazione caricandolo di conseguenza.

L’oltrepassare una soglia, vera o simbolica, senza averne il diritto o senza aver preso le dovute precauzioni assicurerà allo sfortunato delle conseguenze disastrose.

Magia di similarità

La magia di similarità è chiamata anche magia omeopatica o empatica. Lo stregone con questo tipo di magia deduce di poter raggiungere l’effetto desiderato semplicemente imitandolo tramite danze, incisioni o disegni.

L’influenza nella magia empatica è reciproca: un albero può contagiare l’uomo, e viceversa. Le virtù degli animali, utili all’uomo, possono essere imitati affinché si traducano all’essere umano.

Le qualità magiche delle pietre possono anch’esse essere trasmesse tramite imitazione e metafore. La filosofia primitive prevede che tutte le creature viventi sono sullo stesso piano dell’uomo; quindi, l’uccidere o il mangiare un animale assume un valore differente dal nostro.

 

magia di similarità

 

Chi si rende colpevole dell’uccisione deve attendere una vendetta da parte del suo spirito, intessuto nella trama sottile della vita e di conseguenza collegata all’uomo. Ma se il male è giustificato allora può chiedere redenzione tramite una preghiera. È il caso in cui l’uccisione non sia giustificata che causa difficoltà all’uomo e all’intera comunità.

Un altro aspetto dell’uccisione dell’animale riguarda la forza dell’animale assimilata nel momento in cui questa viene mangiata. I primitivi pensavano, infatti, che mangiando l’animale se ne assorbisse anche la sua qualità principale. Come quando da piccoli ci veniva detto di mangiare carne di volpe così diventavamo più furbi:).

E a sentire questo appunto sorge spontanea l’assonanza religiosa a quella primitiva: il sangue di Cristo e il pane spezzato come il corpo di Cristo. Il gesto che si ripete ogni domenica a messa è un ricorrere all’antica supposizione primitiva di trasferimento di energia (divinità) da un oggetto a un altro. Da notare come in questo caso la magia di similarità e quella di contatto siano pressoché agganciate in un unico concetto.

Possiamo parlare di sineddoche e metafore?

Gli incantesimi e i vari sortilegi sono tipi di magia di similarità richiamano per assonanza di efficacia la figura retorica delle sineddoche. Una cosa si sostituisce all’altra al fine di recare lo stesso risultato. Così come la metafora, che sostituisce una figura con un’altra per indicare lo stesso significato.

Il carattere metaforico viene realizzato nei rituali magici dove una cosa si sostituisce dell’altra: il fantoccio al posto della persona, la danza al posto della pioggia, il fischio al posto del vento.

La similarità è la metafora, seguendo la teoria di Aristotele. Una traslazione di significato per cui una parola prende il posto di un’altra per analogia in un contesto linguistico.

L’erronea associazione di idee analoghe produce i tipi di magia omeopatica o imitativa; l’erronea associazione di idee contigue, produce la magia di contagio.

In sé e per sé, questi princìpi associativi sono eccellenti, anzi, indispensabili per l’attività della mente umana. Applicati in maniera corretta, danno vita alla scienza; applicati in maniera sbagliata, danno vita alla magia, sorella bastarda della scienza.

 

etichetta lettura adatta ai bambini